articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Il legislatore ricorre ancora una volta alle circostanze aggravanti ad efficacia rafforzata

Daniele Cenci

Archivio Penale
© dell'autore 2017
Ricevuto: 22 dicembre 2017 | Accettato: 27 dicembre 2017 | Pubblicato: 28 dicembre 2017


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

L'autore esamina criticamente il ricorso da parte del legislatore nella recente novella (legge n. 103 del 2017 detta "riforma Orlando") alle circostanze aggravanti ad efficacia rafforzata, nel tentativo di ridurre la discrezionalità giudiziale nella concreta commisurazione della pena; richiamati gli antecedenti, a partire dalla legislazione antiterrorismo dei primi anni ottanta, si evidenzia che il fine cui tende il legislatore richiederebbe una modifica di sistema e non occasionali provvedimenti-slogan

 

The author critically examines the appeal by the legislator in the recent novella (Law No. 103 of 2017, "Orlando reform") to aggravating circumstances with enhanced efficacy, in an attempt to reduce judicial discretion in the concrete Measure of punishment; Recalled the antecedents, starting from the anti-terrorism legislation of the early 1980s, it is pointed out that the end which the legislator tends would require a system change and not occasional measures-slogan.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile