articolo pubblicato | articolo in abbonamento
Sottoposto a Peer review

L'estinzione del reato per condotte riparatorie nel bilanciamento tra mediazione e deflazione

Anna Maria Siagura

Archivio Penale
© dell'autore 2018
Ricevuto: 18 maggio 2018 | Accettato: 23 maggio 2018 | Pubblicato: 28 maggio 2018


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati


Riassunto

L'estensione al giudizio ordinario dell'istituto delle condotte riparatorie, quali atti idonei ad estinguere il reato prima del dibattimento, nei termini prescritti dall'art. 162 ter c.p., costituisce una delle innovazioni più significative della cd. riforma Orlando, sia per i nuovi possibili esiti processuali, sia per le finalità deflattive fortemente connesse a questo rimedio. Muovendo dalle origini dell'istituto, tanto nel codice penale, quanto nel sistema minorile, prima, e nel giudizio penale di pace, poi, si percepisce come l'isti-tuto introdotto nel giudizio ordinario non sembri opportunamente inquadrabile tra gli strumenti di realizzazione della c.d. ristorative justice. Molte appaiono, inoltre, a oggi, le zone d'ombre introdotte dalla novella legislativa, che, complice la spinta acceleratoria, determinata anche dalle pressioni europee in punto di sfoltimento del carico giudiziario interno e di accelerazione dei tempi nell'amministrazione della giustizia, lasciano agli operatori del diritto ampi margini interpretativi e, di rimando, applicativi dell'istituto.

The extension to the ordinary judgment of the institute of the restorative measures, as suitable acts to extinguish the crime before the hearing, within the terms prescribed by the art. 162 ter c.p., is one of the most significant innovations of the Orlando reform, both for the new possible procedural outcomes, and for the deflationary purposes strongly connected to this remedy. Starting from the origins of the institute, both in the criminal code and in the juvenile justice system, first, and in the criminal trial of peace, then, is perceived how the institute introduced in ordinary judgment does not seem opportunely easy to categorize among the instruments of realization of the restorative justice. To date, many appear the grey areas introduced by the legislative reform, which, thanks to the acceleration, determined also by the european pressures in terms of reduction of the internal judicial burden and acceleration of the times in the administration of justice, leave to operators of law, wide interpretative margins and applica-tions of the institute.​


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L'intero articolo è disponibile per gli abbonati