articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

La riapertura del processo

Federico Gaito

Archivio Penale
© dell'autore 2017
Ricevuto: 04 novembre 2017 | Accettato: 08 novembre 2017 | Pubblicato: 10 novembre 2017


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

Alcune delle tematiche maggiormente coinvolte nei dibattiti degli ultimi anni (dal ruolo riconosciuto alla Convenzione nell’ordinamento ai tentativi d’attuazione delle sentenze EDU, dal possibile “quarto grado di giurisdizione” alla vulnerabilità del giudicato, con particolare riferimento, alla legittimità dell’esecuzione della pena inflitta) non sono passibili di una valutazione ristretta, limitata cioè ai confini posti dai singoli istituti, bensì si propongono come materiale fondamentale, e sempre di attualità, per un’analisi approfondita ed estesa, che comporti cioè il coinvolgimento di più interessi, anche prima facie estranei al processo penale ma che a questo si riferiscano indirettamente: la modifica del concetto stesso di res iudicata rappresenta l’epilogo (per il momento) di una più ampia opera di auto rivisitazione da parte del nostro ordinamento.

 

Some of the issues most involved in the debates of the last few years (from the role recognized in the Convention in the order of the attempts to implement EDU judgments, from the possible "fourth degree of jurisdiction" to the vulnerability of the judged, with particular reference to the legitimacy of the execution of the punishment imposed) are not liable to a narrow assessment, limited to the boundaries of the individual institutes, but are proposed as a fundamental and always timely material for an in-depth and extensive analysis involving the involvement of multiple interests, also extraneous to the criminal trial but indirectly referring to it: the modification of the concept of res judicata represents the epilogue (for the moment) of a wider work of self-revision by our order.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile