articolo pubblicato | open access
Sottoposto a Peer review

Sentimenti, risentimenti e politica criminale: un’indagine quali-quantitativa in tema di legislazione penale compulsiva

Raffaele Bianchetti

Archivio Penale
© dell'autore 2019
Ricevuto: 03 aprile 2019 | Accettato: 08 aprile 2019 | Pubblicato: 10 aprile 2019


L’intero articolo è disponibile


Riassunto

Il presente lavoro intende offrire uno sguardo sulla realtà sociale e politica del nostro Paese attraverso un’osservazione empirica dell’attualità e attraverso una disamina dei risultati di un’indagine quali-quantitativa in tema di legislazione penale compulsiva. Preoccupante, per certi versi, è quello che si rileva, tra cui: a) una perversa interazione tra mezzi di comunicazione massa, sentimenti di (in)sicurezza sociale e scelte di politica criminale; b) un sempre più prosperante securitarismo; c) una crescente diffusione nella collettività di rabbia, livore e risentimento.


Feelings, resentments and criminal policy: a quantitative investigation into the subject of compulsive criminal law


The present work is meant to provide an overview of the social and political situation of our country through an empirical observation of current event and through an analysis of the results of a qualitative and quantitative research on compulsive criminal law. The results are somewhat worrying, since it is possible to identify: a) a perverse interaction between mass media, social (in)security sentiments and criminal political choices; b) a rising securitarism; c) a spreading diffusion of anger, rancour and resentment among the community.


Percorso di valutazione

Peer reviewed. Certificazione della qualità


L’intero articolo è disponibile